Lun. Apr 15th, 2024

Gli anestetici sono stati usati per migliaia di anni. In effetti, il primo uso documentato di anestetici è stato in realtà nell’era della “preistoria”, un’era della storia umana che precede il testo scritto.

Reklam (Ads)

Primi usi di anestetici a base di erbe

Una breve storia degli anestetici

Nell’era preistorica, gli anestetici erano di natura erboristica


Nell’era preistorica, gli
anestetici erano di natura erboristica. Si sa che i papaveri da oppio venivano raccolti già nel 4200 a.C. e queste piante furono coltivate per la prima volta nell’impero sumero. I primi usi registrati di anestetici contenenti preparazioni di oppio risalgono al 1500 aC e nel 1100 aC le civiltà a Cipro e in altri luoghi coltivavano e raccoglievano le piante.

I papaveri da oppio furono introdotti in India e Cina rispettivamente nel 330 a.C. e dal 600 al 1200 d.C. Anche altri tipi di anestetici a base di erbe erano in uso in Cina durante quest’epoca. Nel secondo secolo, il medico cinese Hua Tuo è noto per aver utilizzato un anestetico derivato dalla cannabis per eseguire interventi chirurgici addominali.

In Europa, Asia e nelle Americhe, molte altre specie di piante di “solanum” sono state utilizzate come anestetici, tra cui mandragora, giusquiamo e diverse specie di datura


In Europa,
Asia e nelle Americhe, molte altre specie di piante di “solanum” sono state utilizzate come anestetici, tra cui mandragora, giusquiamo e diverse specie di datura. Ognuno di questi contiene un potente alcaloide tropano. Nell’era classica greca e romana, figure di spicco come Ippocrate e Plinio il Vecchio notarono l’uso di piante contenenti oppio e solanum. Nelle Americhe, le foglie della pianta della coca (da cui si ricava la cocaina) erano un anestetico molto usato. Questo veniva applicato dagli sciamani Inca che masticavano foglie di coca e poi sputavano le foglie nelle ferite per somministrare un anestetico locale.

Anestetici a base di erbe di questo tipo sono stati ampiamente utilizzati per diversi secoli; tuttavia non erano privi di inconvenienti. Uno dei problemi principali con l’uso di anestetici a base di erbe era la somministrazione del giusto dosaggio: troppo poco non avrebbe avuto alcun effetto e troppo spesso uccideva il paziente. La standardizzazione degli anestetici era difficile, ma fu raggiunta in una certa misura prima del diciannovesimo secolo classificando gli anestetici in base al luogo in cui venivano coltivate le piante anestetiche.

La scoperta della morfina


La scoperta della
morfina

Nel 1804, un farmacista tedesco di nome Friedrich Wilhelm estrasse la morfina dal papavero da oppio e chiamò il composto “morphium”, per il dio greco del sonno e dei sogni. Tuttavia, la morfina non è stata ampiamente utilizzata per quasi cinquant’anni. Nel 1853 fu sviluppato l’ago ipodermico e, grazie a questo nuovo metodo di somministrazione, l’uso della morfina aumentò notevolmente. La morfina è stata quindi ampiamente utilizzata come anestetico.

Nel 1874 fu sviluppato un derivato della morfina chiamato diacetilmorfina, comunemente noto come eroina


Nel 1874 fu
sviluppato un derivato della morfina chiamato diacetilmorfina, comunemente noto come eroina. Quasi due volte più potente della morfina, l’eroina fu commercializzata per un breve periodo dalla Bayer, a partire dal 1898. Tuttavia, fu solo 16 anni dopo, nel 1914, che il possesso di morfina, eroina e cocaina senza prescrizione medica fu bandito negli Stati Uniti a causa alla natura altamente addictive di queste sostanze.

Sviluppo di anestetici inalanti

Gli anestetici orali e inalanti sono stati utilizzati storicamente dagli anestesisti musulmani e l’uso di queste preparazioni era ben noto nell’impero islamico


Gli anestetici orali
e inalanti sono stati utilizzati storicamente dagli anestesisti musulmani e l’uso di queste preparazioni era ben noto nell’impero islamico. Sono state eseguite diverse centinaia di operazioni chirurgiche che hanno utilizzato spugne imbevute di preparati narcotici, poste sul viso dell’individuo sottoposto a intervento chirurgico.

Nel mondo occidentale, lo sviluppo di anestetici inalanti, insieme all’uso di tecniche chirurgiche sterili sviluppate da Joseph Lister, è stata una delle chiavi principali per eseguire interventi chirurgici di successo nel diciannovesimo secolo.

Durante il diciannovesimo secolo, sia l’anidride carbonica che il protossido di azoto furono usati nelle procedure chirurgiche sperimentali


Durante il diciannovesimo
secolo, sia l’anidride carbonica che il protossido di azoto furono usati nelle procedure chirurgiche sperimentali. Mentre l’uso dell’anidride carbonica come anestetico non è mai diventato popolare, il protossido di azoto è diventato di fatto molto diffuso.

Le proprietà anestetiche del protossido di azoto furono notate per la prima volta da Humphry Davy, un chimico britannico, in un articolo pubblicato nel 1800. Tuttavia, fu solo diversi decenni dopo, negli anni 1840, che il protossido di azoto divenne più ampiamente utilizzato. Uno dei primi utilizzi riusciti del gas per l’estrazione indolore dei denti fu effettuato dal dentista americano William Thomas Green Morton, nel 1846.

Nello stesso decennio, per l’estrazione dei denti veniva utilizzato anche un anestetico inalante chiamato etere dietilico


Nello stesso decennio,
per l’estrazione dei denti veniva utilizzato anche un anestetico inalante chiamato etere dietilico. L’etere dietilico fu originariamente sintetizzato dal medico tedesco Valerius Cordus nel 1540; tuttavia fu solo nel 1840 che si verificò la prima dimostrazione pubblica dell’uso dell’etere. Un decennio prima, nel 1830, era stato sviluppato anche il cloroformio. Questo divenne più popolare in Gran Bretagna, ma anche così i pericoli sia dell’etere che del cloroformio erano ben noti.

Anestetici moderni

Gli anestetici moderni sono di due tipi: anestetici generali e locali


Gli anestetici moderni
sono di due tipi: anestetici generali e locali. Gli anestetici locali includono sostanze come la lidocaina e la procaina. Questi agiscono impedendo la trasmissione degli impulsi nervosi nell’area in cui viene somministrato l’anestetico. Gli anestetici generali, d’altra parte, sono di natura più simile al protossido di azoto nel loro metodo di somministrazione, e infatti questo anestetico inalante è ancora in uso. Gli anestetici per inalazione sono generalmente composti fluorochimici (isoflurano, sevoflurano e desflurano) che hanno un’infiammabilità molto inferiore rispetto all’etere dietilico, quindi sono molto più sicuri da usare in sala operatoria.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *